ASSEDIO AD E20. GESTRICE APRE SCORTATA DALLA DIGOS.

Un manifestante teghista imbufalito dalla chiusura del circolo

MONTECCHIO. Il movimentatissimo episodio è avvenuto l’altra sera. Protesta di 60 disobbedienti del circolo Tega davanti ai cancelli di E20 contro il nuovo regolamento sui circoli culturali.

Una fuga di notizie riguardante il nuovo regolamento comunale non ancora approvato e destinato ai centri culturali ha provocato la rivolta del circolo “Tega Nord” di Montecchio. La protesta è scoppiata l’altra sera, con toni accesi, quando un gruppo di sessanta anziani ha occupato il cortile antistante E20 con un improvvisato sit-in animato da vino, un tentativo di concerto amplificato e cori da stadio. Appesi sui cancelli di E20 e della Mesa anche cartelli e striscioni con le scritte “Con l’ignoranza governiamo ad oltranza ”, “La Tega non si valorizza”, “Abbiamo stereo-tipi per tutti”. Il provvedimento ipotizzato dalla Giunta, non ancora approvato e che verrà discusso nella prossima seduta del Consiglio il 27 novembre, mira a garantire le norme costituzionali circa la libertà di espressione e di associatività fra le persone in luoghi di ritrovo aperti a chiunque ne condivida le idee. «Questa è solo la prima tappa di una campagna di protesta per un regolamento discriminatorio nei confronti del nostro circolo – afferma M.C., portavoce della Tega -. Vogliamo dare un segnale forte e duro; l’Amministrazione deve ritirare il regolamento. Per noi il rischio di dover chiudere è molto alto. Siamo un gruppo finanziato, non paghiamo l’affitto della sede ma le risorse economiche di cui disponiamo non sono sufficienti per adeguare i nostri spazi all’apertura mentale a più di 60 persone». «Di questo passo vedremo le nostre strade invase da artisti, musicisti ed intellettuali provenienti da tutto il Paese con gravi pericoli per la sicurezza stradale – aggiunge la capo gruppo, – per non parlare poi degli immigrati che grazie alla Mesa ed ad E20 hanno trovato un modo per integrarsi».
«Non abbiamo ancora capito come ci possa esser stata questa fuga di notizie – risponde A.U., aderente al gruppo Mesa -. È assurdo come venga contestato un provvedimento non ancora approvato. Tanta animosità per favorire la cultura non ha senso – prosegue A.U. – ma dopotutto viviamo in un comune che pare aver capito quali siano le vere risorse per la comunità. La Mesa ed E20 sono un patrimonio che deve essere tutelato e invogliato nei suoi progetti affinché l’unione fra persone, che vedono il mondo in maniera diversa, creino lo sviluppo per ripartire in questo periodo di crisi. All’estero spazi sociali del genere sarebbero sostenuti da chiunque e non solo fra le file dei propri volontari. E poi anche per l’igiene: si sa che i teghisti hanno la puzza sotto il naso».
Offese gratuite e dai toni barbari sono state indirizzate alla gestrice dello spazio mentre, scortata dalla Digos, cercava di aprire il cancello per far entrare i numerosi ragazzi accorsi ad assistere al concerto programmato in serata.
«Ho sentito frasi che pensavo esistessero solo in TV, – dice la ragazza – fatti del genere sono gravissimi. Ho pure fissato un appuntamento con M.C. la quale mi ha risposto che non si sarebbe presentata se avessi aperto il circolo stasera».
Ma un atteggiamento così oltraggioso non è nuovo fra i Teghisti. Molti ricorderanno il boicottaggio dei propri rappresentanti durante la manifestazione “Notte Rosa” dedicata alle badanti e organizzata proprio dalla Mesa ed E20 col patrocinio del comune stesso.
«Ci auguriamo che l’ordinanza possa essere rivista, conclude M.C. – non è possibile ipotizzare un mondo in cui forze intelligenti e straniere pongano le basi per il futuro. Ricordiamo solo come nel ventennio il primo provvedimento adottato verso la dittatura fu quello di imporre la chiusura ad ogni circolo che potesse esprimere un pensiero libero e differente. Perché mai dovremmo smettere di essere così disobbedienti alla civiltà?».

Annunci

Informazioni su e20underground

e20 Underground SI TROVA IN VIA PUCCINI 4 (laterale di VIA L. DA VINCI sotto il negozio NASCIMBEN) ad ALTE DI MONTECCHIO MAGGIORE (VI) Per band e promoter contattateci a questa mail "pasone2108@gmail.com " Se saremo interessati alle vostre proposte saremo noi a contattarvi non scriveteci insistentemente. Potete trovarci anche su facebook alla pagina: e20 underground, alla quale però non rispondiamo per eventuali proposte.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...